Podere Selva Capuzza

Selva Capuzza è un podere dedicato alla produzione vinicola da 6 vitigni autoctoni della zona. Al suo interno vi si trovano anche olivi, un bosco nato come tartufaia, ampi spazi aperti dedicati alla biodiversità, un parco di gelsi secolari e due piccoli laghetti.

Prende il nome dalla località nella quale si trova; le zone di campagna a sud del lago venivano chiamate "Silvae" già dall'epoca romana. Il nome "Capuzza" sembra derivare dalla sua posizione elevata, all'inizio delle colline dell'anfiteatro morenico del Garda, sul "cappuccio" che si trova a poche centinaia di metri dalla torre di San Martino della Battaglia. Nella tenuta si trovano il Ristorante Cascina Capuzza, la Cantina di vinificazione e l'agriturismo Borgo San Donino. Solo 870 passi dividono tra le due estremità di questi tre luoghi, la Cascina e il Borgo. Alcuni minuti di passeggiata vi faranno attraversare prati, vigneti, la tartufaia con le sue querce, i suoi carpini e noccioli, portandovi dalla Cascina Capuzza a Borgo San Donino, toccando le cantine di vinificazione.

Il Podere, situato 4 Km a sud del Lago di Garda, si colloca in una posizione collinare molto pregiata e situata all'interno dei confini delle tre principali zone DOC della sponda bresciana del Lago di Garda: Garda ClassicoSan Martino della Battaglia e nel cuore del Lugana. La tenuta è zona a divieto di caccia per proteggere la pace dei nostri ospiti e difendere l'equilibrio della fauna della zona. Grande cura viene inoltre dedicata all'impatto ambientale attraverso il controllo ed il monitoraggio delle emissioni di anidride carbonica e tante altre importanti pratiche per ridurre al minimo l'impatto ambientale della produzione e l'inquinamento.

Gallery

Servizi

Desgustazioni Guidate

Desgustazioni Guidate

Ristorante

Ristorante

Bed & Breakfast

Bed & Breakfast

Wi-fi

Wi-fi

Credit Card

Credit Card

Panorama

Panorama

I Vini

Lume Benaco Bresciano Passito IGT

Lume Benaco Bresciano Passito IGT

Lume è un vino alla ricerca della finezza, dell'equilibrio tra acidità e dolcezza.
L'intento che ha dato vita a questo progetto è stato quello di produrre un vino dolce che si distinguesse per pulizia ed equilibrio, caratterizzato da un tenore alcolico non oltre i 13% alcol e da un residuo zuccherino limpido e fine, che non diventi mai stucchevole.
Viene posta molta attenzione al modo in cui conclude la sua persistenza in bocca, che non deve mai dare sensazioni di dolcezza troppo persistente.
La scelta del suo nome viene dal fatto che deve essere caldo ma leggero, vibrante e luminoso, come la fiamma di un lume.


Hirundo Garda Rosè Brut

Hirundo Garda Rosè Brut

viene rilanciato nel 2012 dopo tre anni di attenti test per trovare la sua traduzione migliore.
Prodotto dall'uvaggio del Garda Classico Chiaretto ma da una raccolta specifica, anticipata rispetto a quella per produrre il vino tranquillo, è uno spumante di grande personalità ed equilibrio.
Viene fermentato in autoclave (Metodo Martinotti o Charmat) e riposa per qualche mese in bottiglia prima di uscire dalla cantina.
Ha un naso di fragrante frutta rossa, pulita e fresca ed una bocca sapida e bilanciata, con una chiusura di grande pulizia.
Dopo averlo assaggiato come aperitivo diventa difficile resistergli come spumante a tutto pasto.


San Martino della Battaglia Campo del Soglio

San Martino della Battaglia Campo del Soglio

Prodotto dalla vinificazione di uve Tocai, il San Martino della Battaglia è stata una DOC a fortissimo rischio di estinzione ed è ancora oggi una delle Denominazioni di Origine più piccole in Italia.
Produciamo il San Martino della Battaglia da quando esiste.

Campo del Soglio nasce nel 1988 proprio con l'intenzione di salvare questo vino dall'oblio producendolo al massimo livello qualitativo possibile, esprimendo il meglio delle sue potenzialità. Nel 2008 la Comunità Europea vieta l'uso del nome Tocai riservandolo al Tokaji prodotto in Ungheria. Per questa ragione siamo quindi stati privati di dare un nome all'uva dalla quale viene prodotto un vino che ha radici profonde, in una DOC dalla stessa età del Lugana.
Questo è il motivo per il quale, dalla annata 2007, un punto interrogativo domina la retroetichetta.

Posizione

 

Contatti

  • Piazza Cinque Giornate 16 - Milano
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.